venerdì 17 settembre 2010

NESSUNO ESCLUSO

NESSUNO ESCLUSO

Ciao Giuliano, sono indignata quanto te..... io nella scuola "Pisacane" ho insegnato, non ai bambini stranieri, ma ai loro genitori. Facevo parte di uno staff di insegnanti di scuola elementare, incaricate dal Provveditorato, di aiutare gli stranieri adulti nella comprensione della lingua italiana....... Tutti i venerdì mattina dopo aver accompagnato i loro figli nelle aule, genitori di etnie diverse si recavano da me per la loro lezione di italiano.... E' stata più formativa questa esperienza, dei mille convegni sull'integrazione a cui ho partecipato! Negli altri giorni della settimana andavo in un altro istituto romano a svolgere questo delicato compito....
Il ricordo dei tanti visi, l'umanità incredibile, la vasta cultura di alcuni miei "studenti" speciali, (molti erano laureati) hanno influenzato poi la scelta di laurearmi in Scienze dell'Educazione, con la tesi finale sui problemi dei "migranti" o in maniera specifica sul "viaggio", nella sua valenza di "migrazione"..... Volevo portarti la mia testimonianza e solidarietà per tutte le iniziative che ti vedono sempre in prima linea nella difesa degli immigrati Io non posso dimenticare quando gli "altri" eravamo noi....


martedì 7 settembre 2010

Quando tutto questo sarà finito....

Non abbiamo ancora toccato davvero il fondo, altrimenti ci daremmo una svegliata.....
quando finirà la propaganda martellante, lo stravolgimento della verità dei fatti quotidiani...
quando il velo nebbioso si dissolverà.... allora cosa vedranno i nostri occhi?  Stiamo ancora troppo bene
nel nostro caldo, comodo, rassicurante menefreghismo..... per accorgerci della piccola quantità di escrementi che quotidianamente ci propinano.... siamo arrivati all'assuefazione. Poveri quelli che hanno ancora qualche sussulto di dignità e protestano per non rimanere invischiati nella melma..... Parlo di eroi quotidiani, come quel sindaco di Pollica, ucciso perchè voleva fare un po' di pulizia..... si era stancato del fetore nauseabondo e facendo solo il suo dovere, ha detto no, non ci sto...... Ma a chi importa? Importa forse a questi quattro mascalzoni che stanno tramando per andare o no a votare, per questa o quell'altra banderuola di turno? La gente non ne può più..... volete sapere come vi prendono in giro?  Andate in una qualsiasi scuola pubblica e vi accorgerete di quanta falsità sono capaci...... Un paese che non investe sui bambini............. non ha un futuro!





domenica 5 settembre 2010

.... la fitta sassaiola dell'ingiuria.....

Confessioni di un teppista  di Sergej Esenin

Non tutti son capaci di cantare
E non a tutti è dato di cadere
Come una mela, verso i piedi altrui.
È questa la più grande confessione
Che mai teppista possa confidarvi.
Io porto di mia voglia spettinata la testa,
Lume a petrolio sopra le mie spalle.
Mi piace nella tenebra schiarire
Lo spoglio autunno delle anime vostre;
E piace a me che mi volino contro
I sassi dell'ingiuria,
Grandine di eruttante temporale.
Solo più forte stringo fra le mani
L'ondulata mia bolla dei capelli.
È benefico allora ricordare
Il rauco ontano e l'erbeggiante stagno,
E che mi vivono da qualche parte
Padre e madre, infischiandosi del tutto
Dei miei versi, e che loro son caro
Come il campo e la carne, e quella pioggia fina
Che a primavera fa morbido il grano verde.
Per ogni grido che voi mi scagliate
Coi forconi verrebbero a scannarvi.
Poveri, poveri miei contadini!
Certo non siete diventati belli,
E Iddio temete e degli acquitrini le viscere.
Capiste almeno
Che vostro figlio in Russia
È fra i poeti il più grande!
Non si gelava il cuore a voi per lui,
Scalzo nelle pozzanghere d'autunno?
Adesso va girando egli in cilindro
E portando le scarpe di vernice.
Ma vive in lui la primigenia impronta
Del monello campagnolo.
Ad ogni mucca effigiata
Sopra le insegne di macelleria
Si inchina da lontano.
Ed incontrando in piazza i vetturini
Ricorda l'odore del letame sui campi,
Pronto, come uno strascico nuziale,
A reggere la coda dei cavalli.
Amo la patria. Amo molto la patria!
Pur con la sua tristezza di rugginoso salice.
Mi son gradevoli i grugni insudiciati dei porci,
E nel silenzio notturno l'argentina voce dei rospi.
Teneramente malato di memorie infantili
Sogno la nebbia e l'umido delle sere d'aprile.
Come a scaldarsi al rogo dell'aurora
S'è accoccolato l'acero nostro.
Ah, salendone i rami quante uova
Ho rubato dai nidi alle cornacchie!
È sempre uguale, con la verde cima?
È come un tempo forte la corteccia?
E tu, diletto,
Fedele cane pezzato!
Stridulo e cieco t'hanno fatto gli anni,
E trascinando vai per il cortile la coda penzolante,
Col fiuto immemore di porte e stalla.
Come grata ritorna quella birichinata:
Quando il tozzo di pane rubacchiato
Alla mia mamma, mordevamo a turno
Senza ribrezzo alcuno l'un dell'altro.
Sono rimasto lo stesso, con tutto il cuore.
Fioriscono gli occhi in viso
Simili a fiordalisi fra la segala.
Stuoie d'oro di versi srotolando,
Vorrei parlare a voi teneramente.
Buona notte! buona notte a voi tutti!
La falce dell'aurora ha già tinnito
Fra l'erba del crepuscolo.
Voglio stanotte pisciare a dirotto
Dalla finestra mia sopra la luna!
Azzurra luce, luce così azzurra!
In tanto azzurro anche morir non duole.
E non mi importa di sembrare un cinico
Con la lanterna attaccata al sedere!
Mio vecchio, buono ed estenuato Pégaso,
Mi serve proprio il tuo morbido trotto?
Io, severo maestro, son venuto
A celebrare i topi ed a cantarli.
L'agosto del mio capo si versa quale vino
Di capelli in tempesta.
Ho voglia d'essere la vela gialla
Verso il paese cui per mare andiamo


Questa poesia di Esenin, diventa
"Confessioni di un malandrino"
meravigliosa canzone di Angelo Branduardi......

la voglio dedicare a chi ama la poesia...