giovedì 8 ottobre 2009

STRINGIAMOCI A COORTE!



Effetto Tsunami?

3 commenti:

  1. Se si sbrigano, fra un anno e mezzo va in prescrizione.

    RispondiElimina
  2. Non ci speriamo nelle condanne, amici, quelle non verranno.
    Ho visto un servizio stasera sul tg di sky che offre davvero poche speranze.
    Ma non sono importanti, adesso, le condanne.
    Conta aver messo a soqquadro il disegno politico del sovrano.
    Rimane un povero cristo, con la croce di tutti i poveri cristi, anche se lui è un povero cristo potente, con tanti soldi e tanto potere.
    Ma voleva fare il salto, da povero cristo, diventare il dio trinitario, l'unto dal Signore.
    Quello che gli rimane è una grossa macchia d'unto sulla coscienza che niente potrà lavare.
    Mi direte: ma come anche lui ha una coscienza?
    Si, lui ha la coscienza di essere una nullità, una nullità nascosta sotto i panni di un teleimbonitore ricco, pieno di soldi, donne e potere.
    Questa coscienza, però, ieri sera gli è balenata davanti un'altra volta e lo ha spaventato. Per questo era così incazzato.
    La sua nullità cola via sui tappeti preziosi delle sue stanze dorate, macchia gli ori, ammuffisce gli stucchi.
    Quella nullità lo perseguita di giorno e di notte. Per questo si tinge e fa ricrescere i capelli, si eccita vedendo i filmini dei suoi incontri coi leader del mondo (anche se i leaders in questione fanno quasi ridere, come Topolaanek, made in Disneyworld e Putin, compagno ex comunista di merende con nostro mr b) e poi si sfoga con qualche poveretta che pur di fare strada... preferisce adescare nei palazzi del potere.

    Questa nullità è la sua anima, dalla quale lui non può sfuggire. Ieri sera se l'è vista riflessa nello specchio, nonostante gli sforzi suoi e dei suoi scherani, ministri o avvocati che fossero. Personale di seconda scelta.
    Lui è stato svergognato, in mondovisione, davanti a tutti.
    Lui, non è il padrone.
    Lui è un povero cristo qualunque, solo con un pò di soldi in più degli altri. Soldi e potere. Soldi e potere che non può godersi, chi è nulla nella viat non sa e non può godere di nulla.

    Per questo era inviperito.

    Non provo nessuna pietà per lui.
    Ma un povero cristo così, dovrebbe fare pietà a tutti.

    RispondiElimina